yoga

Perché lo yoga ci fa bene

Ci sono un’infinità di motivi per cui sempre più persone praticano lo yoga, la meditazione o diversi esercizi di mindfulness e rilassamento. Tutto questo oltre che alla nostra mente fa bene anche alla nostra salute?

 

Chi pratica lo yoga e la meditazione sa bene cosa voglia dire immergersi in un esercizio che richiede costanza e concentrazione. È come fare un tuffo in un mondo nuovo, che giorno dopo giorno porta a raggiungere risultati che non avremmo creduto possibili, sia da un punto di vista fisico (utpluthit vi dice qualcosa?) che mentale. Per alcuni è amore a prima vista, una vera e propria filosofia e ragione di vita, un modo per scoprire se stessi e trovare un punto di equilibrio migliore. Per altri invece è semplice esercizio fisico, un allenamento per restare in forma, un modo per staccare e rilassarsi. Il più delle volte è tutte queste cose messe insieme.

Attraverso i secoli queste pratiche sono state usate per aumentare il proprio benessere e favorire una connessione a qualcosa di più grande di noi nel tentativo di avvicinarci a una certa forma di illuminazione e pace interiore. Il bagaglio spirituale che questi esercizi si portano dietro non è dunque da poco, ma di recente è stato sottolineato anche il loro valore da un punto di vista medico, soprattutto per quanto riguarda la mind-body medicine (la medicina della mente e del corpo) e la cura di malattie legate ad ansia, depressione e stress.

yoga in the Seventies

 

Ultime ricerche

Qualche anno fa yoga e meditazione erano giudicati una moda un po’ alternativa e indie. Nulla più di un fenomeno passeggero che al momento ci vedeva quasi tutti alla ricerca di tappetini non troppo scivolosi, fantomatici equilibri interiori e comodi pantaloni a metà strada tra leggings sformati e la tuta. L’idea che questi esercizi potessero avere un ruolo nel trattamento di alcune patologie e recare dei benefici alla mente come al corpo appariva poco fondata. Tuttavia ricerche recenti hanno dimostrano come la meditazione e altre pratiche siano in grado di ridurre il consumo di ossigeno, abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e avviare una cascata di effetti fisiologici che stanno all’esatto opposto di ciò che si verifica durante la risposta allo stress. Questo insieme coordinato di cambiamenti fisiologici è stato definito “risposta al rilassamento”.

Questo significa che lo yoga e la meditazione, come altre pratiche di rilassamento, possono avere un ruolo fondamentale nella cura di malattie legate allo stress. Il dolore cronico, per esempio, spesso accentuato da una situazione di stress psicosociale, è diventato un problema difficile da gestire con la sola somministrazione di farmaci e i costi medici che i pazienti si trovano a sostenere sono spesso considerevoli. In questi casi favorire la pratica di esercizi di rilassamento ha portato a ottimi risultati, anche se è sempre importante non farsi illusioni (un quarto d’ora di meditazione al giorno non vi porterà subito a cancellare ogni preoccupazione e pensiero, ma può lo stesso essere utile per cacciare qualche cattiva idea e tranquillizzarsi). Inoltre avere un buon maestro (o maestra) ed essere costanti nella pratica è fondamentale per ottenere dei benefici evidenti, per provare un maggior senso di benessere e sentire finalmente alleggerirsi tensioni e sintomi. 

yoga exercise

 

Vinyasa flow per tutti

Coltivare la propria pratica, rimanere concentrati, approfondire le tecniche e gli esercizi: tutto questo può essere un modo per stare meglio. Per curare il corpo e curare anche la nostra mente. Per aumentare la nostra resilienza attraverso la cura di sé. Per imparare a gestire il dolore cronico e lo stress. Di sicuro queste terapie mente-corpo non sono una panacea, non sono la soluzione a tutti i mali ma possono certamente fare molto. Affiancare ai sistemi di cura offerti dai nostri sistemi sanitari (e magari anche educativi) anche pratiche di questo tipo può portare a ottimi risultati sul benessere complessivo.

Tanto ancora resta però da capire: determinati approcci hanno maggiori probabilità di aiutare determinate persone, temperamenti o condizioni? Fattori psicologici o genetici predicono chi risponderà meglio a determinate pratiche? Quale può essere un “dosaggio” ottimale per ciascuno? Fino a che punto queste pratiche possono spostare il decorso della malattia e ridurre la necessità di farmaci e test e procedure costosi? In che modo personalizzare questo tipo di cura? C’è molta ricerca ancora da fare, ma questo sembra essere un ottimo punto di partenza.

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp

More to explore

#beachcleaning

Avevamo fatto una promessa: garantire il valore scientifico di quello che facciamo.   Ebbene sì, anche un breve “flash-mob” di rimozione della

Scroll Up